COVID-19 E APPARATO DIGERENTE: SINTOMI E CONSEGUENZE

COVID-19 E APPARATO DIGERENTE: SINTOMI E CONSEGUENZE

L’infezione da SARS-CoV-2 non causa solamente problematiche respiratorie (come febbre, tosse e dispnea) o la perdita del gusto (disgeusia) e/o dell’olfatto (anosmia), ma può provocare anche sintomi e problematiche gastro-intestinali più o meno gravi e più o meno durature nel tempo.

Antonio Gasbarrini, direttore del reparto di Medicina Interna e della Gastroenterologia al Policlinico “Gemelli” di Roma, ha portato a termine uno studio secondo il quale sono 247 su 420 i pazienti che hanno contratto il Covid-19 e che hanno sviluppato anche delle patologie dell’apparato digerente.

Questi dati vengono confermati anche da altri ricercatori che a livello internazionale stanno studiando il virus (in primis il team di Wuhan). La scoperta è stata avvalorata da ulteriori studi eseguiti sui tamponi rettali e sui campioni di feci dei pazienti all’interno dei quali sono state trovate tracce di SARS-CoV-2 fino a 10-12 settimane dopo l’infezione, e anche se le problematiche respiratorie si erano risolte del tutto.

Ad oggi la comunità scientifica ritiene sia del tutto lecito affermare che il virus si replichi anche all’interno dell’intestino tenue e crasso e che ci sia un rischio di trasmissione anche a livello oro-fecale.

C’è un legame, quindi, relativamente a Covid-19 e apparato digerente, e i sintomi e le conseguenze sull’organismo sono in parte stati identificati e in parte sono in corso di approfondimento. In ogni caso, è ad oggi sicuro che il virus infetti anche il tratto gastro-intestinale e si replichi attivamente all’interno di esso, danneggiandolo.

Continuiamo spiegando perché il Covid-19 attacca anche l’apparato digerente, quali sono i sintomi e quali sono le conseguenze per i pazienti che contraggono l’infezione.

Perché il Covid-19 attacca l’apparato digerente

Il Covid-19 attacca l’apparato digerente perché si lega all’organismo umano usando come recettore la proteina ACE2, che è presente in molti tipi di cellule (del cuore, dei reni, dei vasi sanguigni e del fegato) tra cui vi sono quelle dei polmoni, della bocca e del naso e quelle della mucosa gastro-enterica.

L’ACE2 svolge molte funzioni in processi come, ad esempio, quello della regolazione della pressione sanguigna, della guarigione delle ferite e delle infiammazioni, e quando il virus si lega a questa proteina ne impedisce il normale e corretto funzionamento.

Bisogna sottolineare un aspetto importante che potrebbe essere uno dei motivi che spiega l’imprevedibilità nello sviluppo e nel decorso di un’infezione da Covid-19: la proteina ACE2 è presente in tutte le persone ma in una quantità e con una distribuzione all’interno dell’organismo variabile da individuo a individuo.

Dagli studi condotti finora, sembra che possa essere maggiore nei pazienti con ipertensione, diabete o malattie coronariche e che questi soggetti risulterebbero essere, di conseguenza, più a rischio.

 

Sintomi del Covid-19 sul tratto gastro-intestinale

I pazienti che contraggono il Covid-19 e che riportano delle problematiche gastro-intestinali sviluppano i seguenti sintomi:

  • Nausea;
  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Gonfiore;
  • Discomfort addominale, cioè fastidio allo stomaco e all’intestino;
  • Inappetenza.

I problemi del tratto gastro-intestinale possono comparire anche in via esclusiva (quindi senza gli altri sintomi del Covid-19), all’esordio della patologia o addirittura prima delle problematiche respiratorie. Tali problemi talvolta persistono anche quando il paziente ha superato le problematiche respiratorie e ha un tampone negativo.

In questo particolare momento pandemico, se un soggetto sviluppa uno dei suddetti sintomi si consiglia di valutare la possibilità di aver contratto il SARS-CoV-2 e di escludere con certezza l’infezione prima di ipotizzare una qualsiasi patologia a carico dell’apparato digerente.

C’è un’altra cosa importante da dire sul Covid-19 e sull’apparato digerente, anche se i sintomi e le conseguenze sono talvolta meno evidenti fisicamente: il virus attacca, altera e danneggia anche il microbiota intestinale (cioè la flora batterica composta da microorganismi che svolgono funzioni molto importanti per il corpo umano tra cui la regolazione del sistema immunitario) e la barriera intestinale.

Per questo motivo, l’equilibrio del microbiota, la cosiddetta eubiosi, è da tenere in considerazione e non è un fattore da trascurare; probabilmente saranno presto disponibili degli esami strumentali che serviranno a verificare se il virus ha attaccato l’apparato digerente.

Conseguenze del Covid-19 sull’apparato digerente e decorso

Gli effetti del SARS-CoV-2 a livello gastro-intestinale non sono rari né tanto meno da sottovalutare.

Studiando il Covid-19 e l’apparato digerente, i sintomi e le conseguenze sugli organi del tratto gastro-intestinale, sono stati osservati alcuni casi in cui i pazienti hanno sviluppato dei danni a livello epatico con alterazione dei valori AST, ALT e GGT che sono degli indicatori di un malfunzionamento del fegato.

Le patologie che si sono osservate, con una frequenza compresa tra il 2 e l’11 %, sono la steatosi epatica non alcolica, l’epatite alcolica e le epatopatie immunomediate.

Il meccanismo che causa il danno epatico non è ancora stato chiarito ed è in corso di studio, ma si ipotizza che tra le cause possano esserci: un’infezione virale con danno diretto degli epatociti, una lesione immuno-correlata o l’epatotossicità da farmaci.

Inoltre, non si esclude che il Covid-19 si leghi ai colangiociti attraverso il recettore ACE2 modificando la regolazione della funzionalità epatica.

Per quanto riguarda la presenza di RNA di SARS-CoV-2 nelle feci, dagli studi dei campioni, alcuni pazienti sono risultati positivi fino a 10-12 settimane dalla guarigione anche se i tamponi nasofaringei erano negativi. Ciò indica che l’apparato gastro-intestinale è l’ultimo che riesce a smaltire in via definitiva ogni rimanenza virale.

Non bisogna sottovalutare neanche gli effetti indiretti del Covid-19 sui pazienti che presentano delle patologie gastro-intestinali pregresse all’insorgere della pandemia. Ciò significa che lo stato di tensione, ansia e talvolta di depressione che le persone stanno vivendo a causa del lockdown, delle restrizioni, delle paure e dell’incertezza può accentuare la sintomatologia di malattie sulle quali influiscono lo stato emotivo e la psicologia del paziente.
Rientrano in questa casistica, ad esempio, la sindrome dell’intestino irritabile e il reflusso gastrico.

Infine, è in corso di studio la possibilità che il Covid-19 lasci dei danni permanenti all’apparato digerente colpito, proprio come può capitare per i polmoni. Alcuni dei pazienti, del tutto sani prima dell’infezione, continuano infatti a presentare problemi del tratto gastro-intestinale come se l’intestino fosse irritabile anche se sono guariti completamente.

Si sta cercando di capire se esiste, quindi, una sindrome intestinale post Covid.

Articoli correlati

STENT GASTROINTESTINALI

STENT GASTROINTESTINALI

Gli stent gastrointestinali rappresentano uno dei principali strumenti utilizzati per il trattamento delle stenosi maligne che colpiscono l’apparato digestivo. A seconda dell’anatomia del paziente, ne esistono di diverse tipologie, forme e materiali diversi.

ACALASIA ESOFAGEA

ACALASIA ESOFAGEA

L’acalasia esofagea è una malattia rara che può presentarsi a qualunque età anche se di solito inizia tra i 20 e i 60 anni per poi progredire gradualmente nell’arco di diversi mesi o anni.

LA RADIOFREQUENZA: COS’È E COME FUNZIONA

LA RADIOFREQUENZA: COS’È E COME FUNZIONA

L’ablazione a radiofrequenza ha visto crescere esponenzialmente il proprio impiego negli ultimi anni. Tra le nuove frontiere applicative, vi sono i trattamenti a radiofrequenza ablativi dell’esofago di Barrett.