Gastroscopia: come si svolge?

Gastroscopia: come si svolge?

L'endoscopia digestiva del tratto digestivo superiore (gastroscopia) è un esame della durata di circa dieci minuti che permette la diagnosi e la cura delle malattie del tratto gastroenterico.

Come si svolge l’esame? per eseguirlo si utilizza il gastroscopio, un particolare endoscopio, che consiste in un tubo flessibile di differente calibro e lunghezza a seconda degli organi in esame, al cui estremo è posta una microcamera.

Gastroscopia, i benefici: l’esame gastroscopico permette l’esecuzione di biopsie.
Il procedimento è semplice e assolutamente indolore.
La procedura inizia con l’applicazione di uno spray anestetico nella gola del paziente, oppure con l’applicazione di una cannula morbida per l’anestesia in endovena, qualora venga richiesta.
Il gastroenterologo a questo punto inserisce il boccaglio al paziente disteso sul fianco sinistro e l’esame ha inizio: il medico inserisce il gastroscopio e si fa strada prima nell’esofago, poi nello stomaco fino ad arrivare al duodeno, il primo tratto dell’intestino tenue.

Come funziona il gastroscopio?
L’apparecchiatura per la gastroscopia è composta da un monitor dal quale è possibile visualizzare le immagini catturate in diretta dalla microcamera posta all’estremità dell’endoscopio.
È inoltre in grado di illuminare il tratto gastroenterico per vedere all’interno del tratto digerente grazie ad una fonte di luce che scorre attraverso la fibra ottica lungo tutto il gastroscopio.
Il gastroscopio, la cui punta è manovrabile nelle quattro direzioni da una due manopole poste sull’impugnatura, ha un canale operativo che consente di utilizzare diversi accessori flessibile come per esempio le pinze da biopsia.

La gastroscopia come strumento indispensabile per lo studio e la diagnosi di malattie gastrointestinali
Se l’esame endoscopico dell’apparato digerente viene effettuato è per caratterizzare una lesione, una gastrite o capire perché il paziente presenta i sintomi dell’helicobacter pylori.
In questo caso sarà possibile inserire la pinza bioptica lungo tutta la lunghezza del gastroscopio, raggiungere la mucosa ed effettuare così una biopsia, prelevandone un frammento e ritirando la pinza.

Articoli correlati

POLIPOSI GASTROINTESTINALE: COS’È E COME SI TRATTA

POLIPOSI GASTROINTESTINALE: COS’È E COME SI TRATTA

La poliposi gastrointestinale giovanile è una malattia rara, che ha un’incidenza che si colloca tra 1/100000 e 1/15000 casi all’anno. Viene distinta in tre tipologie, dipendenti dalla localizzazione dei polipi, e sono: poliposi giovanile generalizzata del tratto GI superiore e inferiore, poliposi giovanile del colon e la poliposi giovanile dello stomaco.

Endoscopia Digestiva: il nuovo portale dedicato al mondo della gastroenterologia

Endoscopia Digestiva: il nuovo portale dedicato al mondo della gastroenterologia

L'endoscopia digestiva è una tecnica medica tramite la quale effettuare la diagnosi delle malattie del tratto gastroenterico. Le patologie che coinvolgono l’apparato digerente comprendono malformazioni, degenerazioni, infiammazioni e tumori.

L’ASPIRAZIONE GASTRICA: COS’È, COME FUNZIONA E COME CAMBIA LE ABITUDINI ALIMENTARI

L’ASPIRAZIONE GASTRICA: COS’È, COME FUNZIONA E COME CAMBIA LE ABITUDINI ALIMENTARI

L’Aspirazione Gastrica è un trattamento endoscopico bariatrico che prevede il posizionamento dell’estremità di un tubicino all’interno della sacca gastrica e l’altra estremità, un bottone, fissata esternamente al livello della cute.