La gastroscopia fa male?

La gastroscopia fa male? No, ecco il perché dell’anestesia e come funziona

Nel caso stessi per sottoporti ad una gastroscopia e fossi preoccupato di avvertire dolore o conati di vomito causati dalla discesa dell’endoscopio, è il caso di tranquillizzarsi: nonostante si tratti di un esame apparentemente piuttosto invasivo, la procedura prevede la massima delicatezza.

Anestesia a misura di paziente.
Al fine di rendere quanto meno fastidioso possibile l’esame, prima di eseguire la gastroscopia viene effettuata l’applicazione di uno spray anestetico locale in gola della stessa tipologia di farmaco usato negli studi dentistici. 
Quest’azione rende più facile l’inserimento del gastroscopio e meno probabili i conati di vomito. In alcuni casi particolari, è possibile eseguire una somministrazione endovenosa contenente un principio attivo sedativo e rilassante, in grado di diminuire ansia e agitazione dovute a fattori psicologici.

Nel caso si optasse per un’anestesia tramite endovena, è bene ricordare che sarà necessario essere tenuti sotto osservazione per almeno un’ora in seguito all’esame, al fine di permettere un corretto smaltimento del sedativo. È inoltre sconsigliabile eseguire per il resto della giornata attività che richiedono particolare attenzione, come ad esempio la guida.
 
Quando si effettua la sedazione profonda? 
La sedazione profonda con assistenza anestesiologica è prevista solamente in casi particolari.
Questa particolare pratica viene generalmente dedicata ai pazienti cosiddetti ‘non collaboranti’, come ad esempio bambini piccoli.

La gastroscopia è un esame invasivo, ma non doloroso.
In linea generale, non c’è ragione di preoccuparsi: pur trattandosi di un esame invasivo, grazie alla sedazione effettuata e alla breve durata della procedura, è possibile affrontarlo con serenità e senza timori.

Articoli correlati

COMPLICAZIONI NUTRIZIONE ARTIFICIALE

COMPLICAZIONI NUTRIZIONE ARTIFICIALE

Nonostante la NA sia una terapia medica considerata sicura, non si possono escludere a priori tutte le complicazioni della nutrizione artificiale. Per questo motivo, sia il personale medico sia i familiari che assistono il paziente a domicilio (laddove fosse possibile) devono essere informati e adeguatamente formati sul modo corretto di intervenire.

L’ERCP: UNA PROCEDURA CHIRURGICA NON INVASIVA

L’ERCP: UNA PROCEDURA CHIRURGICA NON INVASIVA

La colangiopancreatografia retrogada endoscopica (ERCP) è una procedura che utilizza sia un endoscopio (un sottile tubo contenente fibre ottiche per illuminare e una lente per ingrandire le immagini dei tessuti) sia i raggi X per studiare i dotti che portano all'intestino i succhi prodotti dal pancreas e la bile prodotta dal fegato, poi immagazzinata nella cistifellea.

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE DOMICILIARE

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE DOMICILIARE

La nutrizione artificiale domiciliare (NAD) viene utilizzata per trattare, presso il domicilio, quei pazienti che si trovano in una condizione di stabilità clinica, dotati delle normali funzioni digestive e che avrebbero bisogno del ricovero esclusivamente al fine del trattamento nutrizionale.